Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Detenuti

 

Detenuti

ASSISTENZA AI DETENUTI

Nel caso di arresto in un Paese straniero, il cittadino italiano ha diritto a chiedere la protezione consolare, nell’ambito della quale la Rappresentanza diplomatico-consolare può:

  • rendere visita al detenuto;
  • fornire nominativi di legali in loco;
  • curare i contatti con i familiari;
  • intervenire per il trasferimento in Italia, qualora il connazionale sia detenuto in Paesi aderenti alla Convenzione di Strasburgo sul trasferimento dei detenuti del 21.3.1983 o con cui siano in vigore accordi bilaterali;
  • intervenire, in particolari casi, per sostenere domande di grazia.
  • vigilare sulla corretta applicazione della legge francese e delle convenzioni internazionali.


Il Consolato
, per contro, non può intervenire in giudizio per conto del connazionale e/o farsi carico delle spese legali.


I nominativi dei nostri connazionali in stato di detenzione non sono sempre segnalati a questo Consolato Generale dalle autorità locali, a meno che l’interessato non ne faccia espressamente richiesta.
È spesso necessario fare accertamenti puntuali per verificare se un connazionale sia stato arrestato o trattenuto in detenzione, soprattutto nella primissima fase dell’arresto. Tali ricerche vengono generalmente attivate su richiesta dei familiari del connazionale che , essendo rimasti senza notizie dello stesso, si rivolgono al Consolato per le opportune ricerche presso Ospedali, Polizia o Istituti penitenziari.

Il Consolato Generale assiste i familiari dei detenuti italiani fornendo loro i dovuti chiarimenti sulle formalità da seguire per ottenere il permesso di visita al loro parente e sull’invio allo stesso di denaro o di generi di prima necessità (abbigliamento, prodotti per l’igiene personale, ecc…).

Le persone impossibilitate a sostenere le spese di un legale possono beneficiare dell’assistenza del patrocinio francese gratuito (“aide juridictionnelle”).


Per informazioni:

Fax: +33 (0) 4 93 88 11 08
E-mail: sociale.nizza@esteri.it




30