Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

istanze online cittadinanza

 

istanze online cittadinanza

 

ISTANZE CITTADINANZA PER MATRIMONIO ON LINE

 

Il coniuge di cittadino italiano, se residente all’estero, puo’ presentare istanza per la concessione della cittadinanza italiana dopo tre anni dal matrimonio o dopo tre anni dalla data di acquisto per naturalizzazione o riacquisto della cittadinanza italiana. Questi termini sono ridotti della metà (ossia, 18 mesi) in presenza di figli nati o adottati dai coniugi.
E’ indispensabile che l'atto di matrimonio sia stato trascritto nei registri di stato civile del Comune italiano . E’ pertanto consigliabile, prima di presentare la domanda, chiedere un estratto dell’atto di matrimonio.

 

Dal 1 Agosto 2015 la domanda di cittadinanza italiana per matrimonio, ai sensi dell’art. 5 legge 5.2.1992, n.91, deve essere presentata ESCLUSIVAMENTE ONLINE dai richiedenti residenti in questa circoscrizione consolare e titolari di  permesso di soggiorno (per cittadini extra-UE). Il portale in cui bisogna registrarsi è https://cittadinanza.dlci.interno.it e succesivamente si potrà compilare la domanda con le credenziali di accesso ricevute.

NB: si fa presente che il sito è esclusivamente in italiano. Questo Consolato non potrà fornire traduzioni né assistenza nella compilazione della domanda.

Nel modulo di registrazione vanno inseriti COGNOME – NOME – DATA DI NASCITA presenti sull’atto di nascita. Per le donne va inserito il cognome da nubile. In caso di errato inserimento dei dati anagrafici sarà necessario cancellare la registrazione al portale, dopo aver effettuato l’accesso, utilizzando la funzione del menù “Cancella la registrazione al portale” ed effettuare successivamente una nuova registrazione.

Per inserire la domanda si dovrà selezionare la funzione 1 – Gestione domanda” e selezionare il modello AE. Si dovranno compilare tutti i campi e caricare tutti i documenti obbligatori:

 

-          estratto dell’atto di nascita rilasciato dal Paese di origine completo di tutte le generalità (per coloro che sono nati in Francia o nei Paesi firmatari della Convenzione di Vienna dell’8 settembre 1976 é sufficiente richiedere un estratto dell’atto di nascita su formulario plurilingue, per coloro che sono nati in altri Paesi occorre procedere alla legalizzazione o all’apposizione dell’apostille e alla traduzione presso la rappresentanza consolare italiana nel Paese di nascita)

 

-          certificato penale del Paese di origine e di tutti i Paesi in cui il richiedente ha vissuto a partire dall’età di anni 14, tranne l’Italia (tali ceritificati devono essere tradotti in italiano ed eventualmente legalizzati presso la rappresentanza consolare competente per il luogo di rilascio. Per la Francia il certificato, Bullettin 3, deve essere richiesto al Casier Judiciaire National via posta o online: https://www.cjn.justice.gouv.fr e successivamente tradotto in italiano da un traduttore giurato) I certificati penale hanno una validità di 6 mesi dalla data del rilascio

 

-          ricevuta del versamento di 200,00 in favore del Ministero dell’Interno (coordinate bancarie

 

-          un documento di riconoscimento in corso di validità (passaporto e titolo di soggiorno francese per i cittadini extra-UE)



Una volta inserita la domanda online verranno generati due documenti:
1) Un documento riepilogativo della domanda
2) Una ricevuta d’invio con un numero identificativo.

La domanda potrà essere:
1) Accettata
2) Accettata con riserva
3) Rifiutata

L’interessato sarà avvisato tramite email dell’accoglimento o meno dell’istanza. In caso di accettazione con riserva verrà informato via email dei nuovi documenti che sarà necessario produrre. In quest’ultimo caso si potranno caricare online i nuovi documenti richiesti ma non si potrà modificare la domanda.

Il richiedente verrà successivamente convocato dall’Ufficio Cittadinanza di questo Consolato Generale al fine di presentare la domanda in formato cartaceo ed i documenti in originale, che saranno trattenuti agli atti dell’Ufficio. Successivamente alla presentazione della documentazione in originale presso questo Consolato Generale, la pratica sarà di esclusiva competenza del Ministero dell’Interno.

L’interessato potrà verificare personalmente lo stato della pratica inserendo nel sito del Ministero dell’Interno il numero della pratica e le informazioni richieste dal sistema.

 

Il termine per la definizione del procedimento di acquisto della cittadinanza italiana, secondo quanto previsto dagli articoli 2 e 4 della legge 7 agosto 1990, n.241 (D.P.R. 18 aprile 1994, n.362),  è di 730 giorni a partire dal giorno di inserimento online della domanda da parte del richiedente o nel caso di accettazione con riserva dalla data di invio del documento che completa la domanda.

 

 

 


119